Skip to content

Questione (a)morale

ottobre 18, 2009

200px-PartitoDemocratico.svgPartiamo da un assunto incontrovertibile: è materialmente impossibile controllare le credenziali di tutti coloro che decidono di iscriversi ad un partito. Su questo non ci piove. Leggermente diverso è il discorso per chi rappresenta il partito a livello cittadino, regionale o, ancor meglio, nazionale: ogni rappresentante dovrebbe, secondo me, fornire garanzie sulla propria onestà e rettitudine e mantenere un comportamento consono al suo ruolo. D’accordo, torno con i piedi per terra e vengo al “sugo del sale”, come direbbe il Maestrone, ossia al nocciolo della questione. Nonostante queste premesse, esiste nel Partito Democratico un serio problema di reclutamento. Sullo stupratore seriale del Torrino si è fatta, giustamente, ironia, sul dirigente dei GD che si proponeva di piantare una pallottola in testa a Berlusconi si è, invece, intervenuti col pugno di ferro, ma quello che sta succedendo a Castellammare di Stabia rappresenta davvero il classico fondo del barile. Per venticinque anni, sono stato convinto di essere dalla parte dei giusti, di quelli eticamente diversi, di quelli lontani anni luce dalle ruberie di chi fa politica solo per mangiare. Ora le cose non stanno più così. Non potrò, un domani con i miei figli, marcare la differenza che c’è fra noi e la destra reazionaria, fra noi e i democristiani collusi, come ha fatto mio padre con me. E questo mi addolora profondamente.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. emi permalink
    ottobre 19, 2009 09:15

    Prima o poi arriva l’ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare: ma bisogna prenderla, perchè è giusta.”M.L. KING

  2. Max permalink
    ottobre 19, 2009 17:47

    Se ti metti insieme agli ex DC non puoi apettarti che questo…

  3. emi permalink
    ottobre 25, 2009 19:48

    Sono andata a votare alla primarie, ancora non cedo.

  4. sim0n3 permalink*
    ottobre 26, 2009 23:23

    Brava Emi, a Roma si dice “barcollo ma non mollo”. E’ esattamente la nostra situazione.

  5. marco permalink
    novembre 21, 2009 23:23

    a volte è dura lo so, te lo dice uno che voleva un “mondo migliore”, ed eravamo in tanti nelle piazze a gridarlo e tutti convinti disposti anche a prendere le botte. Ora mi accorgo che ci sono schiere di ragazzi che lottano per partecipare al G.F. o per fare i tronisti da Maria o le veline a Striscia e questi ragazzi sono i figli di quelli che erano in piazza con me, quindi dovrei pensare che non solo non abbiamo cambiato nulla ma abbiamo fatto peggio. Ma poi mi guardo in giro e vedo che tu sei diverso i tuoi amici sono diversi da quei ragazzi e questo mi conforta e quindi perché non credere che anche i politici non sono tutti uguali e che ce chi ancora vuole un “mondo migliore”.
    “non criticare chi tenta e fallisce ma chi rinuncia a tentare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: