Skip to content

Pallonate #2

febbraio 28, 2010

Un’altra giornata di campionato è passata, è tempo di riflessioni.

Vediamo cosa ci ha proposto la giornata numero 26 della massima serie Italiana.

Disclaimer: Le seguenti opinioni sono frutto del pensiero di un tifoso laziale. Proverò in ogni modo a commentare in maniera imparziale il Campionato di calcio ma come si suol dire in questi casi, io non v’assicuro niente. Ad ogni modo,  c’è Simone che è della Roma ed è l’admin del blog (quindi per ogni protesta non c’è nessuno più indicato di lui). Per quelli delle altre squadre, scrivete al Sig. Lotito Claudio (e se lo fate, non firmate in nessun modo qualsiasi cosa vi proponga. Se vi dice male, è un contratto con la Lazio)

Come al solito, parto dalla Lazio.

Ha segnato quella pippa de Siviglia. E per giunta di tacco. Al volo. Sotto gli incroci. Il calcio è morto.

Questo secondo me basterebbe per consegnare alla Lazio i 3 punti. Se ti fai segnare di tacco da Siviglia devi uscire dal campo e andare a fare la doccia, non ti salvi. Se continui a giocare, ma soprattutto pareggi al 90°, non sei sportivo. E qualcosa mi dice che quel mattacchione di Lotito mi ascolterà e chiederà la ripetizione del match facendo passare questa cosa come un illecito sportivo (tanto è capace di farlo).

La situazione comunque non è buona, siamo sempre lì, e al prossimo turno c’è la Sampdoria a Marassi. Difficile, molto difficile…

Spostando lo sguardo in alto, ci sono stati dei cambiamenti. Nel recupero infrasettimanale il Milan ha battuto la Fiorentina e ha recuperato la Roma, portandosi avanti di un punto. Nella giornata odierna, il Milan batte l’Atalanta e la Roma viene fermata dal Napoli al San Paolo: Milan a +4 sui giallorossi.

Credo che ormai sia palese che per quest’anno i primi due posti se li contenderanno le milanesi, salvo scivoloni imprevisti. La Roma riesce a portarsi in vantaggio per ben due volte in casa del Napoli, ma i padroni recuperano con un gol di Denis ed un rigore dubbio trasformato da Marek Hamsik. Il Milan non ha problemi con l’Atalanta che viene liquidata da 3 gol (da segnalare l’infortunio per Pato) ma l’Inter vola sempre più in alto: 3 gol all’Udinese (che a dirla tutta si è difesa alla grande, colpendo anche una traversa nel finale) ed un altro tassello aggiunto al puzzle-Scudetto.

Palermo show nel posticipo. I rosanero liquidano una Juventus oramai irriconoscibile con 2 gol. Le mie parole della settimana scorsa trovano conferme: la cura Zaccheroni non funziona e sembra intenzionata a non funzioare. I risultati non arrivano ed i bianconeri ora devono stare molto attenti perchè rischiano di perdere la Champions. Il Palermo è avanti di due punti e si porta al quarto posto, il Napoli aggancia la Juventus e la Sampdoria, nonostante la sconfitta, resta sempre lì. Di certo la situazione non è facile per la Juve; continuando così, il futuro è nero. Credo che oramai ci sia solo il quarto posto valevole per la Champion’s League su cui lottare, (i primi 3 posti sono ipotecati, c’è solo da vedere l’ordine di arrivo) e la Juve non può permettersi di fallire.

A centro classifica poco è cambiato rispetto alla settimana scorsa. La Fiorentina continua a perdere colpi, le altre si confermano tutte. Abbastanza sorprendente la vittoria del Bologna sul campo del Genoa: i felsinei espugnano Marassi e fanno il colpaccio. La salvezza è vicina.

In basso, si fa avanti prepotentemente il Siena che batte il Livorno nello scontro salvezza e recupera punti preziosissimi. I bianconeri erano dati per spacciati, la lotta ora è riaperta.

Finito qui? Neanche per idea. Debutta questa settimana il PAGELLONE! Non credo ci sia bisogno di spiegazioni, voti da 10 a 1, per riassumere la settimana calcistica (magari con un sorriso).

VOTO 10: Aaron Ramsey
Gravissimo infortunio per la stella Gallese dell’Arsenal. Uno scontro terrificante con Shawcross ha distrutto la gamba del giovane Ramsey, mettendo a rischio la sua carriera. E viene da piangere, perchè il ragazzo ha 19 anni ed è una grandissima promessa. Non vedere più Ramsey su un campo di calcio sarebbe un delitto.
FORZA AARON!

VOTO 9: Sebastiano Siviglia
Per questa settimana, permettetemelo. Sta pippa invereconda ha segnato di tacco. Dopo di questo, possono succedere tutte le cose che si pensavano impossibili: Mauri e Meghni che diventano giocatori, Makinwa che corre, Perrotta che segna senza cadere per terra, Berlusconi in prigione. Tutte che cose che se una persona normale le sente, ti risponde: “E io so Napoleone!”.
DIEGO ARMANDO SIVIGLIA

VOTO 8: Manchester United
Vittoria nella Coppa di Lega per i Red Devils. Battuto l’Aston Villa. Il Manchester vola. Se in Campionato c’è da vedersela con il Chelsea, nelle altre competizioni i ragazzi di Ferguson vincono e convincono. Praticamente ipotecato il passaggio del turno di Champions ai danni del Milan (difficile vedere i rossoneri battere il Manchester all’Old Trafford), i Red Devils centrano anche la vittoria in Coppa di Lega, la quarta della storia. Menzione d’onore per Wayne Rooney. Pauroso. Dopo Lionel Messi, Rooney è uno dei migliori giocatori del mondo. Un giocatore completo. Chapeau.
SUPERWAYNEEEEEEE ROOONEY!!!!!

VOTO 7: Jose Mourinho
Sono sempre più convinto che l’Italia sia il posto ideale per sfamare l’ego smisurata di Jose Mourinho. I giornali parlano di lui, le trasmissioni sportive parlano di lui, i programmi satirici parlano di lui. E lui ci sguazza. Può stare antipatico Mourinho, certo. Ma è innegabile che è un genio mediatico. Come allenatore non è nulla di speciale secondo me, ma come personaggio è anni luce avanti a tutti. E lo sarà per molto tempo.
MASS MEDIA’S SPECIAL ONE

VOTO 6: Marcello Lippi
Ora, io seguo sempre con il cuore la Nazionale Italiana. Mi sono messo le mani nei capelli quando è arrivato Donadoni, ho tirato un sospiro di sollievo quando è tornato Lippi. Fra gli allenatori disponibili, Lippi è l’unico in grado di gestire l’Italia. Però, ho dei dubbi. Dei grossi dubbi. Credo sia palese che ci sono dei giocatori che a Marcello Lippi stanno sulle palle e per questo, qualsiasi cosa facciano, questi giocatori non andranno mai in nazionale. Se Messi fosse italiano e stesse sulle palle a Lippi, non giocherebbe in nazionale. Detto questo, io mi chiedo quale sarà il nostro ruolo ai prossimi mondiali. Ci presentiamo come i campioni in carica, rischiamo di fare una figura di merda epocale. Nel 2006 c’era gente che sapeva tenere in mano lo spogliatoio. Oggi, chi c’è? Pepe? Io sono a favore dei giovani in Nazionale, ma per quest’anno io la vedo nerissima.
PAURA AZZURRA

VOTO 5: Ashley Cole
E’ notizia recente il fatto che Ashley Cole sia depresso dopo la rottura con la sua fidanzata e sta meditando di lasciare il calcio. Ok, una sola domanda: con tutti i soldi che prendi, come stracazzo fai ad essere depresso?
DEPRESSIONE MILIONARIA

VOTO 4: Adriano alla Roma
Adriano vuole tornare in Italia, e vuole andare alla Roma! Io, fossi tifoso giallorosso, comincerei a preoccuparmi. In caso la trattativa si concretizzasse, il Piper Club vuole intitolare una sala del locale al brasiliano, mentre il Gilda gli dedicherà una serie di cocktail alcoolici al gusto di alcool.
SAMBA DO COLOSSEO!!!

VOTO 3: Gli 007 della FIFA
Grande bagarre negli spogliatoi dopo Inter-Sampdoria. Nel trambusto sono volati cazzotti e calci e tutto è stato annotato da alcuni sedicenti “Man In Black”, gli 007 della FIFA! La FIFA ha i suoi agenti segreti con la licenza di uccidere! (buono a sapersi, potremmo consegnarli Simone Inzaghi). Insomma, questi omini hanno scritto tutto e hanno documentato la rissa, con conseguenti squalifiche. Fino a qui tutto OK. Qualche giorno fa però, i giocatori della Sampdoria rivelano che Esteban Cambiasso (punito con 3 giornate di squalifica) non ha fatto assolutamente nulla e che non ci sono stati scontri fisici negli spogliatoi. La domanda sorge spontanea: ma che cazzo hanno visto sti 007???
Aspettando una risposta al quesito, ci è pervenuto un identikit di uno 007 della FIFA.

007: LICENZA DI SCRIVERE MINCHIATE

VOTO 2: Radio 2
Arrivano i Mondiali. Da qualche anno, io ho un solo modo per seguirli. Sentire il commento della Gialappa’s Band. Ma a Radio2 ci sono dei grandissimi geni. E hanno tolto il commento della Gialappa’s. Fortunatamente ci penserà Sky.
ASSASSINI

VOTO 1: Gli arbitri italiani
Fermo restando che in Italia riusciamo a lamentarci di qualsiasi episodio e a tal proposito avremmo un’infinità di cose da imparare dagli inglesi, è innegabile che gli arbitri italiani siano i più scarsi al mondo dopo i Norvegesi (rappresentati unicamente da Ovrebo). Ogni settimana c’è un episodio: rigori inventati, fuorigioco inesistenti, falli fischiati a senso unico. Personalmente, credo che il problema principale sia la poca personalità dei nostri fischietti. Subiscono incredibilmente le pressioni dei potenti e spesso anche le pressioni delle squadre che si lamentano pubblicamente. Ma una bella serie di lezioncine su come si arbitra il calcio io gliele farei fare, sinceramente.
BACK TO SCHOOL, PLEASE.

E con questo abbiamo finito, io vi saluto e vi ricordo che l’appuntamento risale alla settimana prossima, come direbbe il grande Lorenzo.

Byez!

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: