Skip to content

Ha vinto ancora lui

dicembre 14, 2010

Ebbene sì, dobbiamo farcene una ragione: tolte le chiacchiere sui numeri, il solo ad uscire vincitore dalla giornata di oggi è Silvio Berlusconi. Anzi, ad uscire ben più che vincitore. Nel giro di due settimane è riuscito a mettere Fini con le spalle al muro, respingendo il suo tentativo di farlo fuori, scippandogli altri tre fedelissimi e rendendolo inoffensivo; ha dimostrato al centrosinistra, che non riuscì due anni fa nello stesso intento, come si conduce una vera compravendita di deputati e ora tiene saldamente in mano le redini della partita: può decidere di restare al governo, paralizzandone ancor di più l’azione (tanto a lui dei problemi del paese che je frega?), oppure trascinare tutti a delle elezioni che vincerebbe in ciabatte con tanto di (nuovo) plebiscito. Gli altri, per primo Di Pietro, ma ancor più Fini, escono invece duramente sconfitti, con la colpa fondamentale di aver realizzato dei progetti politici assolutamente identici a quello del loro nemico giurato. Fli e l’Idv sono partiti personali, vuoti al loro interno, nati e vissuti solo in nome dei loro fondatori esattamente come il Pdl. E quando si fa parte di una formazione politica non per ideale, ma per sottostare ad un padre padrone, non costa nulla cambiare casacca, anzi, ci si guadagna, perché ci sarà sempre un altro padrone più facoltoso pronto a mettere sul piatto qualcosa in più. E’ successo oggi con Razzi e Scilipoti per l’Idv e con la Polidori e la Siliquini per Fli, successe già nel 2006 con De Gregorio e probabilmente accadrà ancora, almeno fino a quando la politica dei personalismi non lascerà il passo a qualcosa di più serio (in questo senso, attenzione a Vendola e al “vendolismo”). Quanto al Pd, finiti di pagare gli interessi delle sciagurate scelte di Veltroni in fase di compilazione delle liste (come si fa a candidare Calearo magari un giorno ce lo spiegherà), si ritrova purtroppo in una palude da cui risulta complicato venire fuori: allearsi, in vista delle elezioni, con Vendola e Di Pietro vorrebbe dire far contento l’elettorato, ma anche guardare Palazzo Chigi col binocolo, scegliere Casini, invece, scontenterebbe il popolo, ma aumenterebbe le possibilità di giungere al governo. La scelta, stavolta, è davvero dura.

Annunci
3 commenti leave one →
  1. Luca permalink
    dicembre 15, 2010 19:13

    Scusa ma che cambia tra Scilipoti e Calearo? Perché l’Idv ha la colpa di non riuscire a tenere i suoi e il Pd invece è bello pulito?

    Il fatto è che nemmeno stavolta il Pd è riuscito a fare quello che voleva: far cadere B. Ha detto bene ieri sera Crozza: quando ci sono di mezzo loro (o voi :-D) qualcosa va sempre storto…

  2. sanbitter permalink
    dicembre 15, 2010 20:54

    Non condivido la tua amarezza. Il risultato ottenuto è il migliore (proprio così), che potevamo sperare.
    B. è al governo, deve risolvere i problemi e senza poter gridare al golpe e piangere che non l’hanno lasciato lavorare. Ma con in più il problema di trovare i numeri tutte le volte.
    Ora per lui tutto sarà difficile. Se solo fossimo più “svegli” potremmo fargli il “torello” tutti i giorni, ma dubito che i nostri siano talmente scaltri.
    Io ho “pregato” perchè finisse così.
    Non trovi, simone?

  3. sim0n3 permalink*
    dicembre 15, 2010 22:56

    @Luca: Calearo non fa più parte del Pd da un anno e mezzo, è passato prima all’Api e poi al gruppo misto. Scilipoti e Razzi invece hanno cambiato a pochi giorni dalla fiducia. La differenza c’è eccome.

    @sanbitter: quando c’è Silvio di mezzo io spero sempre che il governo cada. E’ vero che ora deve cercare i numeri tutti i giorni, ma è vero anche che a lui di trovarli non interessa più di tanto. Per ora prosegue a vivacchiare, domani si vedrà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: